Cancro Primo Aiuto al fianco della Fisi per la Coppa del Mondo di sci

Cancro Primo Aiuto al fianco della Fisi per la Coppa del Mondo di sci

 

Presentati gli appuntamenti clou della stagione sciistica in Valtellina. Nella sala Melazzini della Provincia di Sondrio, è stata annunciata la duplice tappa della Coppa del Mondo Audi FIS Ski World Cup – discesa libera maschile il 28 dicembre e SuperG maschile il giorno dopo a Bormio – oltre a tutte le gare nazionali e internazionali previste per l’imminente inverno: da ‘La Sgambeda,’ la Coppa del mondo di sci nordico,a Livigno dal 30 novembre al 2 dicembre, alla FIS Continental Cup a Valdidentro, tre gare di sci di fondo nei giorni 21, 22 e 23 dicembre, fino al Memorial Walter Fontana che parte domani e si snoda per tutto l’inverno.

Introdotti dal presidente dell’Ente provinciale valtellinese, Elio Moretti, sono intervenuti Omar Galli, team manager di Cancro Primo Aiuto, e i rappresentanti di Regione Lombardia, Martina Cambiaghi, assessore allo Sport e Giovani, Antonio Rossi, sottosegretario ai Grandi Eventi e Massimo Sertori, assessore alla Montagna, e il sindaco di Bormio, Roberto Volpato.

«Quest’anno l’organizzazione è nelle mani della Federazione Italiana Sport Invernali – ha esordito Galli – ed è una garanzia importante per la buona riuscita dell’evento. Si sta coinvolgendo tutto il territorio e manca solo la neve, anche se le basse temperature ci stanno dando una mano».

«L’edizione di quest’anno della Coppa del Mondo è sicuramente per tutta la Lombardia una grande occasione – ha spiegato Martina Cambiaghi  – è il miglior biglietto da visita in vista degli appuntamenti che nelle prossime settimane ci vedranno impegnati per l’assegnazione delle Olimpiadi invernali 2026. La Lombardia, la Valtellina e Bormio faranno vedere a tutto il mondo cosa siamo capaci di fare quando si tratta di grandi eventi invernali».

E a proposito di Olimpiadi, Rosi ha assicurato che «il valore delle nostre piste è noto al Comitato Olimpico. Quindi ci sono i presupposti per non lasciarci scappare questa straordinaria occasione per tutto il territorio valtellinese. Anche in termini di migliore viabilità per raggiungere le località sciistiche: se Roma non ci aiuterà per gli impianti olimpici, ci potrebbe però dare una mano sulle infrastrutture»

«Guai a lasciarci sfuggire questa opportunità – ha stimolato l’assessore alla Montagna – Dobbiamo mettere a disposizione quanto di meglio abbiamo per dare lustro alla Valtellina. Qui non contano le persone o i singoli protagonismi: ci sono in ballo progetti internazionali che non possiamo lasciarci scappare: vale per la Coppa del Mondo e vale per le olimpiadi!».

Condividi questo post