Consegnato il primo assegno per l’acceleratore lineare dell’Ospedale San Gerardo

Consegnato il primo assegno per l’acceleratore lineare dell’Ospedale San Gerardo

Matteo Stocco, direttore generale dell’Azienda socio sanitaria territoriale di Monza e Brianza, ha ricevuto il primo assegno di centomila euro per l’acquisto di un nuovo acceleratore lineare per l’Ospedale San Gerardo. A consegnarglielo, durante un apposito incontro svoltosi a Villa Walter Fontana a Capriano di Briosco, Roberto Scanagatti, sindaco di Monza e presidente del Comitato promotore della raccolta fondi, Mauro Re, responsabile dell’area Desio per il Banco Desio, primo donatore e istituto di credito di riferimento della raccolta, e Antonio Bartesaghi, presidente di Cancro Primo Aiuto, la Onlus brianzola promotrice dell’iniziativa.

«Abbiamo raggiunto una tappa importante in tempi relativamente brevi – ha esordito Scanagatti – Dietro questa iniziativa vedo tanta passione, entusiasmo, voglia di fare e solidarietà oltre alla grande credibilità di cui gode Cancro Primo Aiuto. Per questa serie di motivi sono convinto che l’obiettivo di acquistare questa nuova macchina per il nostro ospedale sia raggiungibile».
«E’ un percorso che Cancro Primo Aiuto ha già compiuto con successo a Sondrio e a Lecco – l’ha rassicurato Bartesaghi – e ha intrapreso, oltre che a Monza, anche all’Ospedale Niguarda di Milano e al Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Certo c’è bisogno del contributo di tutti, piccolo o grande che sia, ma è un progetto che porteremo a termine».
Il direttore generale dell’Asst brianzola ha ringraziato per il prezioso contributo e ha portato buone notizie. «Abbiamo avuto un incontro con Regione Lombardia in merito ai progetti che vogliamo portare avanti – ha dichiarato Stocco – e abbiamo trovato molta disponibilità. La strada è ancora lunga, ma confido di avere un nuovo acceleratore lineare all’Ospedale San Gerardo prima della fine del mio mandato».
Nell’occasione Flavio Ferrari, amministratore delegato della Onlus brianzola, ha consegnato una targa a Mariuccia Corbetta della onlus Qui Donna SiCura, per l’impegno profuso da lei e dall’associazione nella raccolta fondi per l’acceleratore lineare.

 

Se vuoi avere ulteriori informazioni sul progetto “Acceleriamo insieme Bergamo” o partecipare alla raccolta fondi, clicca qui

Condividi questo post