CURE PALLIATIVE, UN’AUTO IN PIU’ PER IL SERVIZIO DOMICILIARE