Donata un’auto all’Auser di Lecco per il trasporto del latte materno all’Ospedale Manzoni

Donata un’auto all’Auser di Lecco per il trasporto del latte materno all’Ospedale Manzoni

Cancro Primo Aiuto Onlus ha donato un’auto ad Auser Lecco per garantire al territorio lecchese il servizio di ritiro a domicilio e consegna del latte donato dalle mamme al reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale Manzoni. Donazioni di latte che sono particolarmente preziose perché permettono di coprire il 100% del fabbisogno di latte per i neonati pretermine più a rischio.
La consegna dell’auto è avvenuta quest’oggi, 21 settembre, direttamente all’ospedale lecchese in occasione della presentazione delle attività della Banca del Latte Umano Donato nel territorio lecchese. All’evento sono intervenuti, tra gli altri, l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, il direttore generale dell’ASST di Lecco, Paolo Favini, il presidente e l’amministratore delegato di Cancro Primo Aiuto, Eugenio Cremascoli e Flavio Ferrari, il presidente di Auser Lecco, Claudio Dossi, oltre al capo del Dipartimento Materno infantile, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Terapia Intensiva Neonatale di Lecco, Roberto Bellù. Era presente anche il presidente vicario di Cancro Primo Aiuto, Lorenzo Riva, che riveste lo stesso ruolo nella Confindustria lecchese, oltre che essere patron della ElectroAdda, l’azienda che ha sostenuto l’iniziativa
«L’ASST di Lecco dal 2017 ha attivato la Banca del Latte Umano Donato – ha ricordato Favini – Il territorio, come sempre attento alle problematiche della salute, risponde con generosità ai bisogni dei bambini le cui mamme non hanno sufficiente latte per il proprio piccolo. Mi preme ricordare che anche in questo momento è importante continuare a donare e che ciò avviene in assoluta sicurezza per chi lo riceve. Desidero sentitamente ringraziare Cancro Primo Aiuto Onlus e Auser Lecco che mettono a disposizione gratuitamente della nostra azienda una macchina che servirà per il ritiro e la consegna del prezioso nutriente».
«Collaborare con altre associazioni in campo sanitario è una delle caratteristiche di Cancro Primo Aiuto – ha ricordato Cremascoli – Ci è stata fatta presente questa esigenza e non ci siamo tirati indietro. E’ vero che può sembrare esulare un po’ dalla nostra mission, visto che ci occupiamo di malati oncologici, ma è altrettanto vero che questa attività si può inquadrare come una forma di prevenzione, perché col latte materno questi bambini avranno meno rischi di ammalarsi».
E mentre Gallera ha ricordato l’importanza delle associazioni di volontariato che sanno anche, come Cancro Primo Aiuto, guardare al di là delle proprie attività e rispondere comunque ai bisogni della sanità territoriale, il presidente di Auser Lecco ha anticipato che l’auto donata servirà anche per il trasporto dei malati all’ospedale, un servizio già attivo da anni.

Condividi questo post