GALLI, «BORMIO E LA COPPA DEL MONDO, BENE MA POSSIAMO CRESCERE ANCORA»