Grande successo per Medica Etica a Bormio

Grande successo per Medica Etica a Bormio

L’iniziativa di Cancro Primo Aiuto ha permesso a quasi duecento persone di informarsi e di essere visitate presso l’Hotel Cristallo

 

Sono quasi duecento le persone che hanno potuto essere visitate dagli specialisti di Medica Etica nelle tre prime settimane di agosto a Bormio. E tante quelle che hanno partecipato alle tre serate a tema, aperte a tutti, presso la Sala Conferenze della Banca Popolare di Sondrio. La doppia iniziativa di Cancro Primo Aiuto a cui si è voluto dare un titolo simpatico, “Medica Etica si trasferisce in montagna… La salute non va in vacanza”, ha avuto un grande successo.

«E’ stata una grandissima opportunità, sia per i turisti che per i residenti, di fare prevenzione, com’era nell’obiettivo di questo progetto – ha commentato Barbara Zulian, consigliere di Cancro Primo Aiuto e titolare dell’Hotel Cristallo dove si sono svolte le visite, oltre che presidente dell’associazione Albergatori e Case Vacanze di Bormio – Devo riconoscere che sono stata positivamente colpita dai risultati di questa nuova iniziativa: non mi aspettavo questi numeri».

La ragione del successo?

«Sicuramente il livello qualitativo dei professionisti di Medica Etica, il poliambulatorio di Cancro Primo Aiuto, che sono stati coinvolti: – ha continuato Zulian – erano tutti specialisti di alto livello di ospedali lombardi di primo piano, dal Niguarda allo IEO; e anche questo ha permesso di coinvolgere così tante persone, sia residenti che turisti, rispettivamente circa il 60 e il 40%».

Un’esperienza da ripetere?

«Sicuramente replicheremo il prossimo agosto – ha risposto la consigliera di Cancro Primo Aiuto – offrendo anche altre specializzazioni: oltre a riproporre quelle di quest’anno, pensiamo di coinvolgere un esperto in ecografia mammaria e un dermatologo, andando a completare richieste avanzate dagli utenti, Inoltre, ricordiamo come alcuni casi di quelli sottoposti a visita necessitino di ulteriori indagini, e il percorso iniziato con la visita proseguirà per esami e approfondimenti presso una delle 40 strutture ospedaliere che collaborano con la nostra associazione. E di tutto questo dobbiamo ringraziare anche la Banca Popolare di Sondrio che ci è stata vicina sostenendo l’iniziativa».

L’iniziativa è stata apprezzata anche da ATS Montagna e dalla ASST Valtellina e Alto Lario?

«Certo, si lavora insieme per il bene comune senza protagonismi – ha concluso Zulian – Lo dimostra anche il fatto che ci apprestiamo ad ampliare, a nostra spese, l’Hospice di Morbegno, portandolo da 8 a 15 posti letto entro fine anno, e a collaborare in modo significativo alla realizzazione della nuova sede della Croce Rossa a Sondrio, senza dimenticare il servizio trasporto dei malati che da anni facciamo insieme alla stessa Croce Rossa».

Condividi questo post