Grazie al contributo di Cancro Primo Aiuto, aperto il Punto Accoglienza Oncologico dell’Ospedale “Manzoni” di Lecco

Grazie al contributo di Cancro Primo Aiuto, aperto il Punto Accoglienza Oncologico dell’Ospedale “Manzoni” di Lecco

E’ stato ufficialmente aperto questa mattina, all’Ospedale Manzoni di Lecco, il Punto Accoglienza Oncologico destinato ai malati ai quali è stata diagnosticata o si sospetta una neoplasia. A loro disposizione, in spazi accoglienti e riservati, ristrutturati ad hoc e adiacenti alla struttura di Oncologia Medica al secondo piano del Manzoni, troveranno un’operatrice sanitaria, chiamata “facilitatrice”, che li aiuterà nella gestione del percorso assistenziale, evitando il pellegrinaggio e gli spostamenti che creano spesso ansia e perdite di tempo.

Il servizio è stato reso possibile grazie all’intervento economico della Onlus Cancro Primo Aiuto. La nuova area è stata dedicata al Cavaliere Angelo Bartesaghi, morto di cancro e tra i primi sostenitori dell’associazione brianzola. Alla cerimonia erano presenti anche la moglie Alma e i figli Paola, Raffaella e Antonio, che è pure vicepresidente dell’associazione brianzola. “Oggi stiamo dimostrando come si possano dare buone notizie anche nella tanto criticata sanità – ha detto Antonio Bartesaghi – Per chi non c’è passato, non si rende conto di come per i malati di cancro ci siano delle priorità tipo, appunto, trovare qualcuno che si occupi del percorso da seguire per curarsi. La mia famiglia l’ha vissuto e siamo contenti che da oggi, a Lecco, ci possa essere questo tipo di sostegno. Inoltre auguriamo a tutti gli ammalati di cancro di mantenere lo spirito che ha sostenuto mio padre fino all’ultimo respiro: non mollate mai”.

L’evento è stato aperto dalle parole del direttore generale dell’Azienda Ospedaliera lecchese, Mauro Lovisari, che ha ringraziato innanzitutto Cancro Primo Aiuto, “il nostro partner più importante nel campo oncologico, che ci assistito in decine di iniziative”, e la sezione Alpini di Calolziocorte e la Lilt “che ci hanno aiutati a creare la figura della facilitatrice che prima non avevamo”.

E’ toccato, poi, al primario dell’Oncologia, Antonio Ardizzoia, che è pure vicepresidente del Comitato tecnico-scientifico di Cancro Primo Aiuto, spiegare la filosofia che sta dietro questo nuovo servizio. “Il Punto Accoglienza Oncologico vuole cambiare l’ottica nei confronti dei nostri malati: al centro non ci deve essere la struttura, ma il paziente; e l’ospedale deve ruotare attorno a lui. Quindi bisogna mettergli a disposizione tutto quello che può offrire”.

Lo “sportello” del Punto Accoglienza, sarà aperto lunedì, martedì, giovedì e venerdì, dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 16.00; il mercoledì, invece, dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 15.00. Si può, tuttavia, utilizzare anche una linea telefonica dedicata, telefonando all’848.884422, dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 13.00 alle 15.00. Si può lasciare un messaggio per il personale sanitario, specificando nome e cognome, numero di telefono, motivo della chiamata e un operatore richiamerà appena possibile.

Condividi questo post