L’AMAREZZA DEL SINDACO, ‘ORGANIZZATORI POCO CREDIBILI’