Lo screening dell’Epatite C per amministratori, dipendenti e familiari del Comune di Carate Brianza

Lo screening dell’Epatite C per amministratori, dipendenti e familiari del Comune di Carate Brianza

L’iniziativa di Cancro Primo Aiuto, già rivolta alle forze dell’ordine della Brianza, si estende anche a diverse Amministrazioni municipali

 

Carate Brianza, 11 giugno 2021. Uno screening agli amministratori, ai dipendenti e ai loro familiari per verificare se qualcuno è positivo all’Epatite C. E’ quello in programma il prossimo 29 giugno al Comune di Carate Brianza. L’iniziativa è partita da Cancro Primo Aiuto che già dal gennaio dello scorso anno, in accordo con la Prefettura di Monza e della Brianza, aveva proposto un programma di informazione sull’HCV e uno screening rapido alle forze dell’ordine provinciali. Da fine 2020 il progetto si è esteso anche alle Amministrazioni comunali, e ha già coinvolto il Comune di Lentate sul Seveso.
L’iniziativa è stata presentata questa mattina dal sindaco Luca Veggian e dall’assessore al Patrimonio Eleonora Frigerio presso la sede municipale ai dipendenti. Per Cancro Primo Aiuto erano presenti l’amministratore delegato Flavio Ferrari e il direttore sanitario di Medica Etica, il poliambulatorio dell’associazione, Antonio Villa.
Il 29 giugno, gli amministratori, i dipendenti e i loro familiari che lo desiderano potranno sottoporsi al test. «E’ un’iniziativa di prevenzione – ha spiegato Villa – su soggetti asintomatici per verificare l’eventuale positività all’anticorpo contro l’HCV. Si fa con una piccola puntura sul dito, si raccoglie una goccia di sangue sullo strumento rilevatore. In pochi minuti abbiamo il risultato. Se negativo, tutto a posto. In caso di positività all’anticorpo, sarà attivato il percorso ordinario di conferma della diagnosi e di inquadramento terapeutico con i centri di riferimento nella cura dell’Epatite C con i quali Cancro Primo Aiuto ha condiviso il progetto: Presidio Ospedaliero di Vimercate, Ospedale San Gerardo di Monza e Grande Ospedale Metropolitano Niguarda. Il tutto in totale riservatezza».
«Per noi la salute dei dipendenti viene sempre al primo posto e l’abbiamo dimostrato anche durante la pandemia – ha detto il sindaco – Però ci sono altre patologie come questa, su cui Cancro Primo Aiuto tiene alta la tensione. Per cui l’iniziativa è lodevole e ci ha visto subito favorevoli».
A creare i contatti tra la Onlus e l’amministrazione l’assessore Frigerio: «Conosco l’associazione da anni e siamo stati pronti ad aderire subito a questa richiesta per prevenire una malattia che potrebbe essere molto pericolosa. Spero sia accolta con favore dai nostri dipendenti».

Condividi questo post