L’ONCOLOGIA SCOPPIA, SERVE UNA NUOVA TORRE