Mercato dell’auto, il segno positivo non è un miraggio