Tanti valtellinesi nel Cda della onlus